LA ‘SUPERFRUTTA’ DELL’UNIVERSITÀ DI PISA

I ricercatori del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali hanno infatti scoperto che l’esposizione ai raggi UV-B incrementa il contenuto di sostanze salutistiche non solo nella buccia ma anche nella polpa. Parliamo della ‘superfrutta’ che matura nei laboratori dell’Università di Pisa, che si può anche sbucciare ed è lo stesso ricchissima di antiossidanti e composti benefici per la nostra salute. Il gruppo di ricerca coordinato dalla professoressa Annamaria Ranieri dell’Università di Pisa, in uno studio condotto sulle pesche, ha osservato che gli effetti benefici non si fermano alla buccia ma riguardano anche la polpa.