AZIENDA VARVAGLIONE CONQUISTA I ‘TRE BICCHIERI GAMBERO ROSSO’

Alle porte del Salento c’è una tradizione vitivinicola che unisce insieme storia e terra di Puglia. E’ la cantina Varvaglione, quattro generazioni – Cosimo Varvaglione con la moglie e i figli Marzia, Angelo e Francesca – che producono vino dal 1921 e nel prossimo anno celebreranno i 100 anni. Numeri importanti: vigneti di proprietà per un totale di 150 ettari oltre 150 in fitto. Nel 2017, il Financial Times di Londra ha classificato Varvaglione tra le 500 aziende europee in rapida espansione, mentre il Corriere della Sera ha inserito l’azienda al 72esimo posto nella top dei maggiori produttori italiani di vino. Il medagliere Varvaglione si rafforza: i ‘Tre Bicchieri del Gambero Rosso’ assegnati alla ‘Collezione Privata Old Vines Negroamaro ‘17’. Il Negroamaro e il Primitivo racchiudono nella Collezione Privata una preziosa selezione che lo stesso patron dell’azienda ha voluto realizzare. Varvaglione ha ottenuto altri riconoscimenti nei giorni scorsi con le 4 Stelle di Vini Buoni d’Italia che hanno portato nell’olimpo dei Vini il Papale, Primitivo di Manduria emblema della filosofia aziendale nel mondo, e la ‘Collezione Privata Cosimo Varvaglione Old Vines Primitivo 2017’; 3 Stelle per il Negroamaro della stessa linea e la corona per la Malvasia bianca del Salento 12eMezzo 2019. Infine, il rosato ‘Idea’ da uve Primitivo è stato selezionato dalla Guida ‘Rosa Rosati Rosé’. Foto in evidenza e interne da varvaglione.com e Facebook @Varvaglione