Fooderio

SINCERA, CASERECCIA, ESPRESSA, ROMANA. E’ LA CUCINA DI ‘SEMPLICE’…CHE CE VO’?!

Il piatto più difficile da realizzare è sempre quello ‘più semplice’. Non è una leggenda, ma è verità per chi dai fornelli ne ha tratto con sacrificio e sudore una professione. E addirittura tra gli ‘stellati’, alla fine della fiera, c’è chi prima o poi torna a misurarsi con la semplicità culinaria. E in alcuni casi quando è accaduto, esempio recente la carbonara di Gordon Ramsay – cui ‘Fooderio’ ha replicato con la ricetta doc eseguita da ‘La Carbonara’ di Campo de Fiori – è stato drammatico. Un’imbeccata ci ha portati nel quartiere Talenti, a Roma, dove due coppie di amici hanno sfidato il Covid aprendo in piena pandemia ‘Semplice’. Cucina casereccia nel gusto e nella location. Curata nei particolari, immersa in un centro sportivo a misura d’uomo, in via Clelia Bertini Attilj pasta, pizza e fritti. Ma semplice non significa facile. Tutt’altro. Il fritto di baccalà è pastellato a bomba. Consistente, gonfio, e croccante. Se la gioca bene con i mejo filettari della Capitale. Da ‘Semplice’ viene immerso in acqua corrente per 48 ore. Dissalato, tolta la pelle e le spine. Scarico di sale, parte il rito della pastella e poi il bagno nell’olio fritto. Ilaria sovrintende fritti e panature e anche sul supplì ci consegna un prodotto fresco, senza ragù e che fila che è una meraviglia. La leggerezza è il comune denominatore che lega i fritti alla pizza. Bassa alla romana, scrocchiarella e digeribile. La lunga lievitazione ha fatto il suo corso, e si sente, l’impasto non mente. Il forno a legna le dà la cottura che merita, e se tagliata al trancio si piega come una sfoglia. Da ‘Semplice’ nulla straborda, i piatti non danno mai il senso dell’artificiosità. Dell’impiattamento prima del gusto. Nella cucina di Fernando, lo chef dà rigore alla semplicità. Ci viene servito in punta di piedi un ‘Ajo e ojo sporcato’ che merita attenzione, ne risentiremo parlare. Non il solito piatto rivisitato, ma quella ‘semplice scia’ di pomodoro esprime una connotazione di livello. Per i ‘romanesca lover’…amatriciana, cacio e pepe, gricia e carbonara. La piscina illuminata, rispetto allo sfizio degli arrosticini abruzzesi da mangiare senza limiti, è un carinissimo ‘semplice dettaglio’. Di pecora e di fegato, non si fanno prigionieri. Cremosissima, con più strati di frolla, il gentilino ben imbevuto in fondo in fondo, ricoperta di pinoli e zucchero a velo. Presentato in un barattolino delle conserve il ‘dolcetto della nonna’ è una goduria inaspettata. Sulla carta il refrain ‘fatti da noi’ è il bollino di genuinità di questo posto. A suggerirci chicchette e spadellate da seguire ci ha pensato Manuel, che insieme a Ilaria, Fernando e Giordana, ha fatto della semplicità il punto di forza di un locale che ha ottime potenzialità. Sincera, casereccia, espressa, romana. E’ la cucina di ‘Semplice’…che ce vo’?!

You don't have permission to register