CULTURA+CIBO = IDENTIKIT TURISTA ENOGASTRONOMICO

L’edizione 2020 del ‘Rapporto sul turismo enogastronomico italiano’, curato da Roberta Garibaldi (docente universitaria di Tourism Management, membro del board della World Food Travel Association e del World Gastronomy Institute), ha rivelato che ‘il 71% delle persone in viaggio vuole vivere esperienze enogastronomiche che siano memorabili’. Il turismo in Italia è anche cibo e vino, un segmento che interessa in modo trasversale tutte le generazioni, gli appartenenti alla Generazione X (i nati tra il 1965 e il 1980) e i Millennials (1981-1998). Prodotti tipici, bar e ristoranti storici, ma soprattutto luoghi di produzione come le aziende agricole.