Fooderio

SOPHIA LOREN APRE A FIRENZE ‘ORIGINAL ITALIAN FOOD’ CATENA RISTORANTI

Sophia Loren inaugura a Firenze il nuovo ristorante che porta il suo nome. ‘Original Italian Food’, il primo della catena di ristoranti che nasce, per la prima volta nella storia della ristorazione, con il consenso e la collaborazione dell’attrice napoletana. Per ‘Original Italian Food’ è previsto un piano di espansione non solo italiano: Napoli e Milano le prossime tappe ma anche Dubai e Miami, Hong Kong e Shanghai. Il ristorante, sofisticato ed accogliente, è caratterizzato da ampie vetrate che affacciano sul portico a doppio volume prospiciente via de’ Brunelleschi. Il locale si sviluppa su una superficie di oltre 1.500 mq e si estende su 3 livelli, di cui due adibiti a ristorante ed uno alle cucine, al magazzino ed ai locali di servizio.

Con i suoi 270 coperti, le 2 cucine professionali e i 2 forni, il ristorante offre un servizio di ristorazione, bar, caffetteria, pasticceria e cocktail&wine bar. All’entrata del locale il cliente viene subito attratto dal protagonista indiscusso: la pizza ed i suoi ingredienti primari di eccellenza che la compongono. Frontalmente, l’ampio banco in marmo dedicato alla preparazione della pizza è delimitato dalla quinta prospettica generata dal lievito madre contenuto nelle sue numerose botti e messo in risalto dal rivestimento delle pareti e dei forni: una texture color oro brillante che genera una superficie tridimensionale e che rimanda ad uno scrigno prezioso che custodisce ed esalta la materia prima di qualità superiore marcando il caposaldo della tradizione della pizza napoletana; il celebre ‘Oro di Napoli’. Questo oro diviene il fil rouge dell’intero concetto architettonico-spaziale.

Le sedute si alternano tra divani e poltroncine circolari ed avvolgenti con tessuti in velluto e dalle tonalità tipicamente mediterranee. Le pareti, decorate artigianalmente con texture appositamente disegnate e talvolta impreziosite da inserti in vero oro zecchino e da boiserie cangianti generate con texture geometriche raffinate, diventano l’elemento di transizione tra le ampie lastre mono-materiche del pavimento ed il soffitto dove predomina il blu/verde nelle più peculiari sfumature ricordando l’atmosfera dei colori partenopei. Alcuni elementi d’arredo, come i tavoli in pietra lavica e le vetrate nelle tonalità cangianti e sgargianti, evocano la solarità e l’energia che solo l’atmosfera mediterranea e la sua natura può donare. Le bottiglie stesse, opportunamente illuminate e collocate nelle partizioni ad arco-parete, diventano protagoniste e completano, con altri preziosi elementi di autentica oggettistica ed alcune opere di grande valore, l’attenzione posta alle pareti. le pizze nel menù sono state firmate da Francesco Martucci, miglior pizzaiolo d’Italia 2020 con il locale ‘I Masanielli’ a Caserta, due dei primi piatti lo ‘Spaghetto al Pomodoro’ e il ‘Mezzo Pacchero Provola e Pancetta’ da Gennarino Esposito, chef con due stelle Michelin patron del ristorante ‘Torre del Saracino’, a Vico Equense e la pasticceria da Carmine di Donna già guida della pasticceria del ristorante pluristellato ‘Torre del Saracino’.

articolare cura è stata dedicata alla scelta del caffè che più autenticamente rappresentasse l’ineguagliabile espresso servito a Napoli. Dopo una lunga selezione, che ha incluso anche piccole torrefazioni con esperienze pluridecennali, la scelta è caduta su ‘Caffè Vesuvio’, ‘cuore napoletano’.

Foto in evidenza e interne da Facebook @SophiaLorenRestaurant

You don't have permission to register