VOLA MENU DI PESCE A CASA

Il pesce italiano nelle tavole di casa. Le temperature primaverili e i prezzi ribassati del 30% rispetto allo scorso anno incentivano il settore ittico anche se il lockdown dovuto al Covid ha messo di fatto in crisi il comparto con la prolungata chiusura dei ristoranti. Secondo ‘Fedagripesca-Confcooperative’ nel solo mese di marzo e’ andato perso il 70% del fatturato pari a 60 milioni di euro, con un impatto negativo sul trend dell’anno del 6%. Solo un anno fa, in questo stesso periodo, i consumi di pesce erano saliti in un anno del 2,6%, con le cozze regine delle tavole che rappresentavano il 50% delle vendite di molluschi. A soffrire della crisi sono state le imbarcazioni più grandi avendo costi di gestione maggiori, quantitativi di sbarcato più alti e quindi rischi di invenduto più elevati. A superare l’impasse sono stati i più piccoli, che avendo una costi ridotti si sono lanciati con successo nella vendita diretta a domicilio.