L’ANNATA ECCEZIONALE DEL ‘MONTEFALCO SAGRANTINO 2016’

‘Anteprima Sagrantino 2016’, la due giorni che si è svolta a Montefalco in Umbria – con 40 cantine che hanno esposto centinaia di etichette – ha confermato ‘l’annata eccezionale’ per il ‘Montefalco Sagrantino Docg’.

Questo il risultato decretato dagli operatori e dalle Commissioni interna ed esterna, rappresentata da Daniele Cernilli e Matteo Zappile personaggi di spicco nel mondo del vino italiano. Un punteggio di 95/100 per questa annata, con vini ricchi di materiale colorante, ottima struttura e componente acida molto interessante, tutti presupposti per vini eleganti, setosi e destinati ad un lungo invecchiamento. Numeri altamente positivi, con circa 6 milioni di bottiglie prodotte per un incremento di circa il 10% per il Montefalco Sagrantino Docg, Montefalco Doc e Spoleto Doc. L’impennata del Montefalco Sagrantino è un percorso che dura da almeno 25 anni, dove la superficie di vigneto dal 1992, allora 66 ettari, è passata nel 2018 a 760 ettari, mentre dal 2000 ad oggi la produzione del Sagrantino è quasi triplicata. Uno sviluppo a tutto tondo: ad oggi sono 164 i viticoltori della Doc Montefalco e Docg Montefalco Sagrantino e ben 75 i produttori imbottigliatori dei vini di Montefalco. Il valore dell’export rappresenta circa il 35%, in particolare verso Stati Uniti, Germania, Giappone, Inghilterra, Svizzera, Cina ed altri 40 paesi.

Foto in evidenza e interne da Facebook @consorzio.montefalco