A BOTTEGA VITTORIA È ‘SILENT PARTY’

Finito il lockdown ‘Bottega Vittoria’ torna a far parlare di sé, nonostante in questi mesi non abbia mai smesso di dare servizi alla clientela incentivando sia il delivery che il take a way. E’ il caso di dire che la Bottega di Danilo Mancini è tornata ‘su piazza’, in quello spettacolo di ‘Risorgimento’ tra Borgo e Prati a due passi dal Vaticano. E nello spazio all’aperto è andato in scena il ‘Silent party’, aperitivo con dj set in cuffia, portando in pieno centro a Roma la novità del momento, in scia alla tendenza londinese e di altre metropoli europee. E’ sempre la cucina tradizionale ad accompagnare i passi di Bottega Vittoria, che per l’occasione ha sfoggiato terra e mare, dal formaggio castelmagno e toma piemontese alla bresaola di tonno e gamberi rossi di Mazara del Vallo. A rinfrescare i palati il ‘Misunderstanding’, bianco frizzante che ricorda pepe bianco e aromi floreali, ben illustrato dalla sommelier argentina Carolina Sansoni della Wine Broker. ‘Silent party’ e musica outsider con Carol Amati e il dj internazionale e producer Ethan Heich – che ha portato tech house e techno a Ibiza, esibendosi anche a Miami, in Bulgaria, Inghilterra, Olanda, Spagna e Francia. Oltre le cuffie…il cocktail tutto italiano, il Milano-Torino con Vermouth rosso e Campari.