87% CANTINE VITIVINICOLE DANNEGGIATO DA COVID

L’emergenza sanitaria ha danneggiato l’87% delle cantine associate al Movimento turismo del vino: il comparto che ha subito i maggiori contraccolpi risulta essere quello della vendita e della distribuzione (91%) che, oltre all’assenza di clienti diretti in cantina, ha subito fortemente la chiusura di attività ristorative ed enoteche, fonti primarie di fatturato per quanto riguarda le vendite, soprattutto di vini di alta qualità. In trend negativo anche il settore enoturistico che per l’84% risulta essere tra i più danneggiati.